equilibrare l'elemento acqua Water Yoga

Elemento Acqua nello YOGA

12 Febbraio 2020

Molte culture hanno sviluppato dei metodi per leggere, spiegare e interagire con la realtà interiore, con quella esteriore legata ai fenomeni fisici e sociali e la relazione tra queste due dimensioni.

Tra questi metodi ce ne sono alcuni legati agli “elementi”, che in contesti diversi variano in numero e a volte nella terminologia.

I 5 elementi

Nella medicina cinese i cinque elementi sono legno, fuoco, terra, metallo e aria, mentre nell’ayurveda indiana: terra, acqua, aria, fuoco, etere.

Sono un sistema molto valido per entrare in contatto con esperienze a volte sfuggenti, perché sottili, i cui effetti sono invece molto palpabili nella nostra quotidianità.

Tutti e 5 gli elementi sono in perfetta armonia quando c’è equilibrio, sono strettamente correlati gli uni agli altri, non c’è separazione e queste connessioni danno vita alle varie manifestazioni della natura.

Alcuni elementi non si uniscono mai anzi si respingono a vicenda, come ad esempio l’acqua e il fuoco. Per natura non possono stare insieme e per esistere devono essere separati.

Altri invece sono fatti per coesistere e darsi aiuto a vicenda, come succede alla terra e all’acqua oppure all’aria che alimenta il fuoco.

Secondo l’Ayurveda affinchè l’organismo sperimenti uno stato di benessere è importante che tutti e cinque gli elementi siano in equilibrio e che nessun elemento prevalga da solo nel corpo a discapito degli altri.

Ad esempio troppo elemento Terra provoca pesantezza, troppo Fuoco uno stato di infiammazione, e cosi via …

Elemento Acqua

Un triangolo blu con la punta verso il basso è il simbolo che usa l’alchimia per rappresentare l’acqua. Un cerchio blu è ciò che rappresenta l’elemento acqua nel sistema utilizzato dal Buddhismo Vajrayana (detto anche tibetano). L’acqua è rappresentata da una goccia di pioggia che rende fertile e feconda la terra.

L’Acqua è la sorgente della vita, la matrice che sotto forma di liquido amniotico da inizio alla vita, è un simbolo di rinascita.

Le civiltà umane si sono sviluppate attorno ai corsi d’acqua dolce. È uno dei fattori chiave per lo sviluppo dell’agricoltura, dei trasporti, del commercio. Di civiltà estinte o che hanno dovuto emigrare perché l’accesso all’acqua si è ridotto se ne contano in tutte le epoche.

Al nostro interno, il sangue dipende dall’elemento acqua. Più in generale, una presenza bilanciata dell’elemento acqua contribuisce a creare un situazione di benessere interiore. Le emozioni sono equilibrate e emerge una qualità di gioia. Le pratiche interiori diventano fertili, penetrano all’interno del nostro essere invece che rimanere degli aridi esercizi fisici o intellettuali.

Equilibrare eccesso o carenza dell’elemento acqua

L’eccesso di elemento acqua può rendere improduttivi e creare una fissazione con il benessere e con un atteggiamento edonistico. Può anche fare sentire in balia del flusso delle emozioni, condizionando in maniera importante le nostre decisioni a seconda della condizione emotiva del momento.

Una presenza insufficiente dell’elemento acqua dà una sensazione di disagio con sé e con gli altri. È una condizione priva di soddisfazione, appagamento, felicità. La sensazione predominante è di insoddisfazione.

Per equilibrare l’elemento acqua esistono esercizi specifici. Vanno dalla medicina tradizionale, come quella tibetana, cinese, ayurvedica, alle pratiche meditative a quelle yogiche e comportamentali.

Il lavoro con gli elementi utilizza elementi simbolici, come suoni, colori, forme, direzioni, mudra, che permettono di entrare in contatto con le qualità degli elementi a cui sono associati.

Come la pratica della generosità, materiale e di altro tipo, come donare il nostro tempo per qualcosa di utile, o donare un atteggiamento gentile a chi ci circonda. Queste sono alcuni degli accorgimenti che aiutano a rigenerare un elemento acqua poco presente.

L’eccesso di elemento acqua può invece essere equilibrato spostando il focus dal nostro benessere al benessere degli altri, attivandosi per contribuire al loro benessere.

Yoga in Acque Termali

Domenica 29 Marzo, noi di MappaMundi Yoga, celebriamo l’unione tra Yoga, Acqua Termale e Meditazione, per regalarti un profondo relax psico-fisico e accompagnarti alla Primavera con dolcezza.

Saremo accolti ed avvolti nell’affascinante atmosfera dell’Hotel Bellavista, nel cuore dei Colli Euganei, in una zona sempre verde e tranquilla.

Nei Workshop di Water Yoga che facciamo alle Terme, pratichiamo asana fluide, panayama, mudra e altre tecniche proprio per riconoscere in noi l’elemento acqua e per ridargli equilibrio.

Questo perchè un elemento acqua equilibrato aiuta ad avere un atteggiamento gioioso e attivo nella vita. Contribuisce a trovare soddisfazione e gratitudine per le esperienze quotidiane.