india nord pasqua mappamundi yoga

Si dice gli Asana o le Asana?

14 Febbraio 2020

E’ una delle domande che mi viene posta più spesso, che si tratti di allievi o insegnanti in formazione. Così ho pensato di scrivere questo articolo per darvi una risposta completa che spero vi sia utile e faccia chiarezza.

SANSCRITO

Asana in sanscrito è un termine neutro (uscita in – “a” è desinenza neutro plurale in greco e in latino). Per convenzione i termini neutri del sanscrito prendano il genere maschile in italiano.

Accademicamente quindi il modo corretto sarebbe dire “gli asana” e non le asana.

Questa è la teoria In linguistica.

4×5 original

ASANA E POSIZIONI

Ora viene la parte difficile. Terminando con la “a”, viene normale usare l’articolo femminile. Anche per assonanza di significato: le traduzioni utilizzate per asana (giusta postura, posizione yoga) sono tutte parole femminili.

Da qui Asana diventa sinonimo di “posizione”, come nella traduzione di due classici dello yoga, manuali immancabili nella biblioteca yogica degli insegnanti o appassionati di yoga, che vi consiglio di leggere: 

  • Asana Pranayama Mudra Bandha di Swami Satyananda
  • Teoria e pratica dello yoga di B.K.S. Iyengar

Oltre a questo, fino a 5 anni fa la parola “asana” veniva accolta dagli studenti con uno sguardo perplesso e da occhi sgranati. Grazie anche alla diffusione dei corsi di sanscrito di questi ultimi anni, si sta ora diffondendo la versione corretta, al maschile.

TRABOCCHETTI DELLA LINGUA

La lingua è strana ed è viva, perché nel corso del tempo cambia. Nei modi di dire e declinare, entrando in contrasto con le regole tradizionali, che poi vengono affiancate da nuove formule, mentre altre volte passano in disuso. In questo caso, “gli” o “la” davanti ad asana non cambiano il senso e non compromettono la comprensione.

Possiamo quindi essere elastici nell’utilizzare “le” asana o “gli” asana, al contempo se vogliamo essere più precisi e professionali, la scelta migliore è “gli asana”.

india nord pasqua mappamundi yoga

ASANA E IL PLURALE

Qui non c’è storia: singolare o plurale, la parola è asana. 

È facilissimo imbattersi negli inglesismi che aggiungono una “s” per rendere il plurale. Non si fa (Patanjali si rivolterebbe fra le nuvole!) 🙂

E L’ACCENTO?

Un’ultima precisazione (così siamo a posto del tutto) è la pronuncia: l’accento cade sulla prima “a”, quindi si legge “àsana” e non “asàna”.

La pronuncia corretta della “s” è un pò sibilante, come in “sassi”, e non morbida come in “rosa”.

Il suono della “s” come in “rosa” in sanscrito non esiste.

IN CONCLUSIONE

Spero di aver chiarito ogni dubbio e per ricordare il maestro Swami Sivananda:

“Vale più un grammo di pratica che una tonnellata di teoria “

SIVANANDA MOTTO MappaMundi Yoga in India allo Sivananda yoga Vedanta Center di Dwarka, New Delhi

quindi se anche ci scappa la pronuncia o accento sbagliato lo lasciamo andare, l’importante è che la pratichiamo al meglio con consapevolezza e in modo corretto.

Namaste